Coronavirus: le misure in vigore dal 18 maggio - COMUNE DI SASSO MARCONI (BO)

archivio notizie - COMUNE DI SASSO MARCONI (BO)

Coronavirus: le misure in vigore dal 18 maggio

 
Coronavirus: le misure in vigore dal 18 maggio

 

CORONAVIRUS - Aggiornamento lunedì 25 maggio

Il Decreto Legge n. 33 del 16 maggio 2020 e il DPCM del 17 maggio hanno aggiornato le misure per il contenimento dell'emergenza Covid-19 in vigore sul territorio nazionale. Le disposizioni contenute nei due Decreti entrano in vigore dal 18 Maggio in sostituzione di quelle contenute nel Decreto 26 Aprile, e in Emilia-Romagna vengono integrate dalle misure contenute nell'Ordinanza regionale del 17 maggio.

Fase 2: le F.A.Q. sul sito del Governo

 

I PROVVEDIMENTI IN VIGORE DAL 18 MAGGIO


SPOSTAMENTI

  • Dal 18 maggio si può circolare liberamente all'interno dei confini regionali senza bisogno di autocertificazione; 
  • Fino al 2 giugno sono vietati gli spostamenti fuori regione o all'estero, sia con mezzi di trasporto pubblici che privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, per motivi di salute e di assoluta urgenza. In questi casi è richiesta l'autocertificazione (QUI allegata); 
  • È in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;
  • Permane il divieto di mobilità dalla propria abitazione per le persone positive al virus e per chi è in quarantena precauzionale;
  • Vietati gli assembramenti di persone nei luoghi pubblici o aperti al pubblico
  • Rimane sempre d'obbligo il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale:
    - di almeno 2 metri per l’attività sportiva 
    - di almeno 1 metro per ogni altra attività


RISTORAZIONE e BAR
Possono riaprire ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale di settore. Tra le norme contenute nel protocollo, segnaliamo:

  • il rispetto della distanza minima di 1 metro tra i clienti, sia al banco che al tavolo
  • la disponibilità di prodotti igienizzanti, in particolare all'entrata e in prossimità dei servizi igienici
  • l'accesso preferibilmente tramite prenotazione
  • la disinfezione delle superfici al termine di ogni servizio al tavolo
  • l'obbligo di indossare la mascherina per i clienti quando non consumano o non sono seduti al tavolo.
    Resta consentita la consegna a domicilio e il servizio di asporto (con il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali e sostare nelle immediate vicinanze degli stessi)
     

STRUTTURE RICETTIVE
Possono riaprire alberghi e agriturismi nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale di settore. Tra le norme contenute nel protocollo, segnaliamo:

  • il rispetto della distanza minima di 1 metro tra le persone in tutte le aree comuni, favorendo la differenziazione dei percorsi all'interno
  • la disinfezione prima e dopo l'uso di ogni oggetto fornito all'ospite
  • la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti e locali

Gli ospiti devono sempre indossare la mascherina.

Anche per campeggi e villaggi turistici è consentita la riapertura nel rispetto del protocollo regionale di settore.

 

ATTIVITA' COMMERCIALI

Possono riaprire le attività commerciali al dettaglio, a condizione che venga rispettata la distanza interpersonale di almeno 1 metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni, nel rispetto delle indicazioni definite dal protocollo regionale di settore.

Riaprono anche i mercati ordinari e straordinari, anche per il settore non alimentare, nel rispetto delle disposizioni contenute nel protocollo regionale di cui sopra.
 

PARRUCCHIERI ed ESTETISTI
Può riprendere l'attività di parrucchieri, barbieri, centri estetici, centri tatuatori e piercing nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale di settore.

 

MASCHERINE
Obbligatorio sull’intero territorio nazionale l'uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei locali aperti al pubblico, nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (inclusi i mezzi di trasporto) e in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale (1 m. per l'Emilia-Romagna). Non sono soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei 6 anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina.
Ricordiamo che le mascherine FFP2 e FFP3 dotate di valvola espiratoria sono protettive per chi li indossa ma, permettendo l’uscita libera e non filtrata dell’espirato, non proteggono le persone circostanti. Quindi, per proteggere anche le persone che ci stanno attorno, vanno utilizzate le maschere FFP2 e FFP3 senza valvola; nel caso di utilizzo di quelle con valvola espiratoria è necessario indossare in aggiunta una mascherina chirurgica.

 

ATTIVITA' MOTORIA, SPORT, IMPIANTI SPORTIVI e SPIAGGE

  • E' consentita, all'interno del territorio regionale, l'attività motoria e sportiva all'aperto (anche all'interno di strutture e circoli sportivi all'aperto) ma solo in forma individuale (è quindi possibile praticare attività come corsa, ciclismo, equitazione, tiro con l'arco, caccia e pesca) e nel rispetto della distanza di sicurezza di 2 m. per l'attività sportiva e di 1 m. negli altri casi. 
  • Consentito in Emilia-Romagna l'allenamento in forma individuale degli atleti professionisti e non, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato Olimpico e Paralimpico nazionale e dalle rispettive Federazioni. Gli allenamenti devono avvenire all'interno degli impianti utilizzati a porte chiuse, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza creare assembramenti.
  • Restano sospesi eventi e competizioni sportive di qualsiasi ordine e disciplina, mentre dal 25 maggio sono nuovamente consentiti gli allenamenti collettivi di squadra svolti presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza formare assembramenti (previa adozione di specifico protocollo regionale e nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali);
  • Dal 18 maggio è nuovamente possibile l'accesso ad arenili e spiagge libere, mentre dal 25 maggio si potrà nuovamente accedere agli stabilimenti balneari, nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo di sicurezza regionale.

 

PARCHI e GIARDINI PUBBLICI, CIMITERI COMUNALI, AREE SGAMBAMENTO CANI

Riaperti nel rispetto della distanza di sicurezza di 1 metro e fermo restando il diveito di creare assembramenti. 

 

IMPIANTI SPORTIVI

Come stabilito da apposita Ordinanza regionale (n. 84 del 21 maggio) e nel rispetto dei Protocolli di sicurezza definiti dalla Regione Emilia-Romagna, può riprendere dal 25 maggio, l'attività di palestre e piscine.
QUI allegata l'Ordinanza del 21 maggio con i relativi Protocolli 


LUOGHI DI CULTO e CERIMONIE RELIGIOSE

E' nuovamente possibile celebrare le S. Messe e le funzioni religiose in presenza dei fedeli all'interno dei luoghi di culto, nel rispetto delle disposizioni contenute nel protocollo sottoscritto da CEI e Governo e dei limiti di capienza fissati dai parroci per ciscuna chiesa. Restano in vigore il divieto di formare assembramenti e l'obbligo di garantire il rispetto della distanza di sicurezza di 1 metro.
Sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino a un massimo di 15 persone. Le funzioni devono essere svolte preferibilmente all’aperto, indossando dispositivi di protezione e rispettando la distanza di sicurezza interpersonale di 1 metro.

 

CENTRI SOCIALI, CIRCOLI CULTURALI E CORSI

Come stabilito da apposita Ordinanza regionale (n. 87 del 23 maggio) e nel rispetto dei Protocolli di sicurezza definiti dalla Regione Emilia-Romagna, può riprendere dal 25 maggio, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, l'attività corsistica e l'attività di centri sociali, circoli culturali e ricreativi, strutture ricettive extra-alberghiere, parchi tematici e luna park.
QUI allegata l'Ordinanza del 23 maggio con i relativi Protocolli 

 

ATTIVITA' SOSPESE

Restano sospesi:

  • eventi, manifestazioni e spettacoli di qualsiasi natura (cinematografici e teatrali inclusi), svolti in luoghi pubblici e privati;
  • l'attività delle scuole di ogni ordine e grado, di Asili nido e Università;
  • l’attività dei centri semiresidenziali per anziani e per disabili (centri diurni) e dei centri socio-occupazionali
  • l’attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo, scuole di ballo, discoteche e locali assimilati.
  • viaggi di istruzione e le iniziative di scambio o gemellaggio

 

 

DECRETI, ORDINANZE e F.A.Q.

Il Decreto governativo del 17 Maggio
Il Decreto governativo del 26 Aprile

Il Decreto governativo del 10 Aprile
Il Decreto governativo del 1 Aprile
Il Decreto governativo del 22 Marzo
Il Decreto governativo dell'11 Marzo
Il Decreto governativo del 9 Marzo
Il Decreto governativo dell'8 Marzo

Il Decreto governativo del 4 Marzo

L'Ordinanza regionale dell'8 Marzo
L'Ordinanza regionale del 9 Marzo

L'Ordinanza regionale del 10 Marzo
L'Ordinanza regionale del 18 Marzo
L'Ordinanza regionale del 21 Marzo
L'Ordinanza regionale dell'11 Aprile
L'Ordinanza regionale del 22 Aprile
L'Ordinanza regionale del 24 Aprile

L'Ordinanza regionale del 30 Aprile
L'Ordinanza regionale del 6 Maggio
L'Ordinanza regionale del 17 Maggio

L'Ordinanza regionale del 21 Maggio
L'Ordinanza regionale del 23 Maggio

I Protocolli regionali di sicurezza per le riaperture

L'Ordinanza del Comune di Sasso Marconi del 19 marzo
 

 

ALTRE INFORMAZIONI UTILI

  • Uffici comunali e ricevimento del pubblico: QUI tutte le info sulla riorganizzazione dei servizi comunali durante la fase di emergenza sanitaria
  • Biblioteca comunale: riaperta per il solo servizio di prestito/restituzione libri. Per evitare la formazione di assembramenti, il servizio viene gestito su prenotazione, contattando la biblioteca al n. 051 843584 (nella fascia oraria 9.30-12) o scrivendo a bibliosasso@comune.sassomarconi.bo.it: le bibliotecarie confermeranno o meno la disponibilità dei libri richiesti e indicheranno quando venire in biblioteca per il ritiro o la consegna.
  • Mercato settimanale: riaperto in forma completa dal 19 maggio. Nel rispetto delle disposizioni contenute nel Protocollo di sicurezza emanato dalla Regione, la disposizione dei banchi è stata riorganizzata e l'accesso avviene in forma regolamentata, attraverso percorsi di scorrimento pedonale a senso unico, con separazione dei punti di entrata e uscita. Obbligatorio l'uso della mascherina e dei guanti usa e getta per toccare la merce.
  • Consegna a domicilio di farmaci, generi alimentari e beni di prima necessità: QUI tutte le info
  • Centro per le Famiglie dell'Unione Reno Lavino Samoggia: i servizi di consulenza specialistica (consulenza educativo/pedagogica, mediazione familiare, consulenza legale, consulenza di coppia e counseling familiare) vengono forniti via Skype o tramite videochiamata previo appuntamento al n. 339 6888971 (h. 9/13 e 14/17) o all'e-mail centroperlefamiglie@unionerenolavinosamoggia.bo.it

 

    LE NORME IGIENICHE DA RISPETTARE

    Ricordiamo le basilari misure igieniche e comportamentali che le persone sono chiamate a rispettare:

    • Lavarsi spesso le mani (si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie, e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani)
    • Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
    • Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani
    • Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce
    • Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
    • Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
    • Usare la mascherina se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate
       
    COSA FARE IN CASO DI SINTOMI COLLEGABILI AL CORONAVIRUS

    Se si rilevano sintomatologie collegabili al Coronavirus (febbre superiore a 37,5 ° e disturbi respiratori) NON si deve accedere direttamente alle strutture di Pronto Soccorso, ma occorre contattare:

    • il numero verde nazionale 1500 o il numero verde regionale 800 033033
    • il proprio medico di medicina generale 
    • il 118 in caso di emergenza.

    A tutti, e in particolare agli anziani e alle persone con patologie croniche, si raccomanda di non uscire di casa se non per fare la spesa e casi di stretta necessità. Restare a casa e contattare il proprio medico di base in presenza di febbre superiore a 37,5° e sintomi da infezione respiratoria.

     

     

    LINK E MATERIALI UTILI

    Ministero della Salute http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp 
    Regione Emilia Romagna salute https://salute.regione.emilia-romagna.it/
    Sul portale del Ministero della Salute è disponibile un'apposita sezione informativa con tutti gli aggiornamenti e le informazioni utili per i cittadini e per chi viaggia, e una pagina con le risposte alle domande più frequenti

    Sul sito di ASC-Insieme, al link http://www.ascinsieme.it/index.php/it/news/view/h4823e65ev, si trovano informazioni rivolte ai cittadini stranieri e pubblicate in lingua inglese, araba e urdu: si tratta di indicazioni basilari di igiene e di condotta e di brevi note per fronteggiare l'emergenza.

    Indicazioni utili per una corretta comunicazione con le persone sordomute in questa fase di emergenza: qui il volantino diffuso dal Consiglio regionale dell'Ente per la Protezione e l'Assistenza dei Sordi

     

     

     


    Pubblicato il 
    Aggiornato il 
    Risultato (47 valutazioni)