Ponte "da Vinci": opere di cantierizzazione - COMUNE DI SASSO MARCONI (BO)

archivio notizie - COMUNE DI SASSO MARCONI (BO)

Ponte "da Vinci": opere di cantierizzazione

 

 

Le opere di cantierizzazione sono iniziate a novembre 2022 con il montaggio di impalcature e ponteggi nella zona sottostante il ponte, sulla sponda sinistra del fiume Reno, e con il successivo allestimento della seconda area di cantiere, posizionata su parte della rotatoria di intersezione tra la SS 64 Porrettana, Viale Kennedy e la Val di Setta.

Come disposto da apposita Ordinanza, QUI allegata, sulla rotatoria la viabilità verrà modificata fino al termine dei lavori: in particolare, la porzione nord della rotatoria (ovvero il ramo lato Fosso del Diavolo) sarà utilizzata a doppio senso di marcia, garantendo così la percorribilità della Porrettana e il traffico simultaneo anche ai mezzi pesanti (le modifiche alla circolazione sono illustrate nella planimetria qui allegata.

Il primo intervento previsto nell'area di cantiere è la rimozione dell'installazione marconiana opera dello scultore Nicola Zamboni e posta all'interno della rotatoria: per tutta la durata dei lavori, le sculture saranno ricollocate nel cortile interno di Villa Davia, al Borgo di Colle Ameno.

 

IL PROGETTO

Il progetto prevede la parziale demolizione e ricostruzione del ponte. In particolare, l’impalcato e le pile verranno decostruiti, cioè smontati pezzo per pezzo e sostituiti con nuove strutture in acciaio e cemento armato, mentre i tre archi verranno mantenuti: i rilievi effettuati hanno evidenziato come le arcate siano integre e offrano adeguate garanzie di solidità.
La carreggiata verrà ampliata e sarà affiancata da due corsie ciclo/pedonali di nuova realizzazione.
Il progetto restituirà dunque alla collettività un ponte completamente riqualificato e adeguato alle vigenti normative in materia di prevenzione sismica e funzionalità.
 

 

IL CRONOPROGRAMMA

Rispetto a quanto annunciato dal Commissario Mucilli durante il Consiglio comunale straordinario del luglio scorso, l’inizio dei lavori è stato posticipato di alcuni giorni a causa dell’allungamento dei tempi di approvazione del progetto esecutivo. L'approvazione del progetto è prevista entro la metà di ottobre, e subito dopo potranno iniziare i lavori: non si procederà alla gara di appalto, le ditte che effettueranno i lavori sono già state individuate nell’ambito di un Accordo Quadro di ANAS per questa particolare tipologia di interventi, e hanno già reperito i materiali necessari.

La durata dei lavori è stimata in 365 giorni.
Ad agosto sono già stati effettuati i lavori di bonifica bellica nell’area di cantiere ed è stata posizionata una struttura a protezione della ferrovia Porrettana.

 

IL CANTIERE, LA VIABILITA’ E L’IMPATTO AMBIENTALE

L’area di cantiere comprenderà, almeno in parte, anche le due rotatorie ai lati del ponte, con conseguenti modifiche alla viabilità locale. Sulla rotatoria ai piedi della Rupe, il transito sarà possibile solo su parte della rotonda (con circolazione a doppio senso di marcia su un unico ramo), mentre dal lato opposto verrà realizzata una rotatoria provvisoria per consentire il raccordo con via Ponte Albano, la Nuova Porrettana e la SP 325 Val di Setta.
Al termine dei lavori le due rotatorie verranno restituite alla viabilità nelle condizioni in cui sono ora.
Durante lo svolgimento dei lavori, ANAS effettuerà inoltre una costante attività di monitoraggio per verificare che rumore, polveri ed emissioni inquinanti restino entro i livelli consentiti.

 

I COSTI

L’intervento ha un valore complessivo di 21.324.448 Euro (fondi ANAS già stanziati).
L’aumento dei costi di fornitura della materie prime ha determinato un consistente aumento dei costi complessivi: dai 13 milioni di Euro inizialmente stimati, ai 21 milioni di Euro attuali.

 

 

CRONISTORIA

***22 DICEMBRE 2020***
Città Metropolitana di Bologna, Ente che ha la competenza sul ponte Da Vinci, dispone l'istituzione della circolazione a senso unico sul ponte: il ponte può essere transitato (con limite di velocità a 30 km/h.) solo dai veicoli che provengono dalla rotatoria tra la SP 325, Via Ponte Albano e Nuova Porrettana e sono diretti verso la successiva rotonda di collegamento tra Via Porrettana e Viale Kennedy.
Il provvedimento punta a ridurre il flusso di veicoli in transito sul ponte (diminuendo l'impatto sulla struttura) per consentire il successivo posizionamento del cantiere necessario per effettuare i rilievi tecnici propedeutici al consolidamento strutturale del ponte, previsto da Città Metropolitana. Il ponte Da Vinci è infatti inserito tra quelli ad “alta priorità” di intervento a causa del progressivo ammaloramento delle strutture di sostegno: un deterioramento che ha portato nel tempo al distacco di porzioni di calcestruzzo copriferro dagli elementi di sostegno e all’accelerazione del processo di corrosione delle armature.

 

***16 GENNAIO 2021***
Viene modificata la direzione di marcia del senso unico: il transito è ora consentito ai veicoli provenienti dalla rotonda di collegamento tra Via Porrettana e Viale Kennedy e diretti verso la successiva rotatoria di intersezione tra via Ponte Albano, la SP 325 Val di Setta e l'accesso alla Nuova Porrettana.

 

***10 FEBBRAIO 2021***
La Città Metropolitana di Bologna dispone la chiusura completa al traffico veicolare a causa del repentino aggravarsi dello stato di ammaloramento del ponte. QUI allegata l'Ordinanza di chiusura al traffico veicolare

 

***16 FEBBRAIO 2021***
Il 16 febbraio si è tenuto il primo incontro del Tavolo tecnico per fare il punto sulla situazione del ponte. Tutti gli Enti coinvolti (Regione, Anas e Città Metropolitana di Bologna, oltre al Comune di Sasso Marconi) hanno condiviso la necessità di procedere rapidamente con le azioni utili a pianificare gli interventi necessari per restituire il ponte alla sua piena funzionalità.

In particolare Anas, che subentrerà a Città Metropolitana nella gestione del ponte, ha avviato una serie di sopralluoghi per verificare lo stato dell’infrastruttura e valutare la tipologia di intervento più adeguata, mentre la Città Metropolitana, oltre a completare i lavori di consolidamento strutturale già in atto, si è resa disponibile a supportare con il proprio personale la Polizia Locale nella gestione della viabilità, in grave sofferenza a causa della chiusura del ponte.

E’ stato inoltre stabilito di riconvocare periodicamente il Tavolo per condividere informazioni e definire gli step operativi.
 

***10 MARZO 2021***

A seguito dell’ulteriore aggravamento delle lesioni alle strutture di sostegno, rilevato dai tecnici della Città Metropolitana di Bologna, si dispone la chiusura del ponte sia al traffico veicolare che pedonale. QUI allegata la nuova Ordinanza emessa da Città Metropolitana

 

***15 MARZO 2021***
I sindaci di 10 Comuni dell'Appennino (Alto Reno Terme, Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Gaggio Montano, Grizzana Morandi, Marzabotto, Monzuno, San Benedetto Val di Sambro, Sasso Marconi e Vergato) hanno scritto a Regione, Città Metropolitana, Anas e Prefettura, esprimendo la loro preoccupazione per la situazione del ponte "Leonardo da Vinci" e chiedendo di individuare soluzioni concrete in tempi brevi.
QUI allegata la lettera inviata in forma congiunta dai sindaci

 

***1 APRILE 2021***

Con un'apposita Ordinanza firmata dal sindaco Roberto Parmeggiani (QUI allegata), viene interdetto a pedoni e veicoli il passaggio lungo il percorso ciclo/pedonale che costeggia il lungofiume Reno, limitatamente alla zona sottostante il ponte "Leonardo Da Vinci", e nel tratto carrabile di accesso all'abitazione situata al civico 55272 di via Porrettana. Un provvedimento adottato a tutela della sicurezza di pedoni e mezzi: lo stato di ammaloramento delle strutture di sostegno del ponte, evidenziato dagli ultimi sopralluoghi effettuati dai tecnici della Città Metropolitana di Bologna, rappresenta infatti una potenziale fonte di rischio per il possibile distacco e la caduta di porzioni corticali delle strutture in cemento armato.
 

***2 APRILE 2021***
E' previsto entro la fine di aprile, dai parte dei tecnici della Città Metropolitana di Bologna, un primo intervento di messa in sicurezza, che riguarderà le parti più deteriorate e che rappresentano una fonte di rischio per il possibile distacco di calcinacci e porzioni corticali in cemento armato

 

***28 APRILE 2021***
Città Metropolitana ha annunciato che "salvo imprevisti, il 3 maggio inizieranno i lavori di messa in sicurezza e protezione del percorso carrabile e della ferrovia Porrettana che passano sotto il ponte. I lavori si svolgeranno di notte (quando non c'è passaggio dei treni) per una durata prevista di una settimana". A questo primo intervento dovrà seguire un successivo e più consistente intervento di messa in sicurezza, che riguarderà nello specifico la pila n. 15 e i cui tempi di realizzazione non sono ancora definiti: come annunciato da Città Metropolitana, è stata avviata la progettazione e l'obiettivo è effettuare i lavori entro la fine dell'estate. Si tratta di un intervento necessario per consentire il passaggio di competenza del ponte ad Anas, che potrà così avviare le analisi tecniche e strutturali necessarie alla progettazione di un intervento di riqualificazione adeguato a restituire il ponte alla sua piena funzionalità.

 

***7 MAGGIO 2021***
I lavori di messa in sicurezza sono iniziati e prevedono l’installazione di reti di contenimento a protezione della ferrovia Porrettana e del percorso carrabile al di sotto del ponte. I lavori si concluderanno entro il 15 maggio.

 

***21 MAGGIO 2021***

Terminata l'installazione delle reti di protezione per prevenire il possibile distacco di calcinacci, con apposita Ordinanza firmata dal sindaco Roberto Parmeggiani (QUI allegata), viene nuovamente consentito il transito a pedoni, ciclisti e veicoli sul percorso ciclopedonale di collegamento tra il capoluogo e la frazione di Fontana e nel tratto carrabile di accesso all’abitazione situata al civico 555/2 di via Porrettana limitatamente alla zona sottostante il Ponte Leonardo Da Vinci

 

***9 GIUGNO 2021***
Nel vertice svolto l'8 giugno presso la Prefettura di Bolognapresenti l'Assessore regionale alla Mobilità Andrea Corsini, il Sindaco metropolitano Virginio Merola, il sindaco di Sasso Marconi Roberto Parmeggiani e l'ingegner Aldo Castellari di ANAS, è stato annunciato che la riapertura del ponte avverrà entro due anni. Anas ha informato che nel giro di tre mesi concluderà la progettazione dell'intervento finalizzato a restituire il ponte alla sua piena funzionalità. Il progetto prevede la riqualificazione e l’adeguamento sismico dell'infrastruttura, con la realizzazione di nuove strutture di sostegno in metallo e l'ampliamento della carreggiata del ponte, che sarà portata a 15,5 metri con la realizzazione di due percorsi ciclo/pedonali: un intervento che consentirà di ridurre i tempi di realizzazione di circa un anno rispetto ai tre anni prospettati in un primo momento. 

 

***5 NOVEMBRE 2021***
Il Ministero delle Infrastrutture ha comunicato la nomina del Commissario straordinario e l’aumento delle risorse disponibili per l’intervento di riqualificazione.

La nomina dell’ingegner Eutimio Mucilli a Commissario straordinario per i lavori di messa in sicurezza del ponte Da Vinci, consentirà di potere fare ricorso alle misure di semplificazione contenute nel Decreto-Legge 32/2019 “Sblocca Cantieri” e di conseguenza, velocizzare le procedure e l’iter burocratico per l’approvazione del progetto e l’affidamento dei lavori.

Il Ministero specifica inoltre che le risorse disponibili per i lavori necessari a restituire il ponte alla sua piena funzionalità sono state raddoppiate e ammontano oggi ad oltre 13 milioni di Euro.

 

***31 DICEMBRE 2021***
Il progetto per l'intervento di manutenzione straordinaria del ponte “Leonardo Da Vinci”, predisposto da ANAS, è stato depositato presso il Ministero della Transizione Ecologica (https://va.minambiente.it/it-IT/Oggetti/Documentazione/8194/12056) per la valutazione preliminare. Si tratta di un atto formale necessario per ottenere l'autorizzazione ambientale propedeutica ai passaggi procedurali successivi.
Con l’autorizzazione del Ministero e la contestuale convocazione della Conferenza dei Servizi, prevista a inizio anno, il progetto riceverà una valutazione definitiva da parte di tutti gli Enti coinvolti: ottenuta l’approvazione, si potrà procedere con l’affidamento dei lavori. 


***10 FEBBRAIO 2022***
Ottenuta l'autorizzazione ambientale dal Ministero della Transizione Ecologica, l’iter di approvazione del progetto di riqualificazione del ponte Da Vinci prosegue con un passaggio fondamentale: il 9 febbraio è stata infatti indetta la Conferenza di Servizi che riguarda l’intervento di manutenzione straordinaria volto a restituire il ponte alla sua piena funzionalità. Enti e società coinvolte hanno 60 giorni di tempo per presentare pareri e osservazioni rispetto al progetto. Conclusa la Conferenza di Servizi, ANAS potrà completare il progetto esecutivo, ultimo livello di progettazione previsto prima di procedere con l’affidamento dei lavori.

 

***27 APRILE 2022***
Con Determinazione del Commissario Straordinario, ing. Eutimio Mucilli (QUI allegata) la Conferenza di Servizi (la cui documentazione pubblicata da ANAS è disponibile al segunete link:  https://anasdrive.stradeanas.it/s/XfNzSAEGC3wEPxQ ) è stata dichiarata conclusa, il 21 aprile 2022, con esito positivo

 

***20 LUGLIO 2022***
ANAS Spa ha comunicato l'approvazione del Progetto Definitivo

 

***OTTOBRE 2022***

A seguito della conclusione dell'iter autorizzativo, avvenuto a inizio ottobre con l'approvazione del Progetto esecutivo, il 20 ottobre 2022 ANAS ha consegnato i lavori alla Ditta incaricata dell'intervento di riqualificazione del ponte. Il prossimo step sarà l'avvio delle opere di cantierizzazione.

 

***NOVEMBRE 2022***

Iniziata la cantierizzazione con il montaggio dei ponteggi sotto il ponte, sulla sponda sinistra del fiume Reno, e il conseguente divieto di transito veicolare e pedonale lungo il percorso di collegamento con il borgo di Fontana, sul lungofiume Reno, limitatamente alla zona sottostante il ponte (QUI allegata l'Ordinanza che istituisce il divieto di transito).
Dal 21 Novembre parte l'allestimento della seconda area di cantiere su parte della rotatoria di intersezione tra la SS 64 Porrettana, Viale Kennedy e la Val di Setta. Un'apposita Ordinanza dispone le necessarie modifiche alla circolazione sulla rotatoria, evidenziate nella planimetria qui allegata: nello specifico, fino al termine dei lavori di riqualificazione del ponte, la porzione nord della rotatoria sarà utilizzata a doppio senso di marcia, garantendo così la percorribilità della Porrettana e il traffico simultaneo anche ai mezzi pesanti. 

 

 

VIABILITA': I PERCORSI ALTERNATIVI

  • Veicoli provenienti dalla SP 325 Val di Setta (Vado/Monzuno) e diretti a Bologna
    Alla rotatoria ex casello autostradale, prendere il raccordo Nuova Porrettana/A1 (1^ uscita) e proseguire sulla Nuova Porrettana.
     
  • Veicoli provenienti dalla SP 325 Val di Setta (Vado/Monzuno) e diretti a Porretta/Marzabotto/Sasso Marconi centro
    - Auto: alla rotatoria ex casello autostradale, prendere Via Ponte Albano (2^ uscita): percorrendo questa via si raggiungono il centro di Sasso Marconi e la SS 64 Porrettana per proseguire verso Porretta.
    - Mezzi pesanti (percorso obbligatorio): prendere la Nuova Porrettana (1^ uscita rotatoria ex-casello), uscire allo svincolo San Lorenzo e immettersi sulla SS 64 Porrettana passando dal centro di Sasso Marconi e by-passando Ponte Albano, sul quale non è consentito il transito ai mezzi di massa superiore a 7,5 t.
     
  • Veicoli provenienti dalla SS 64 Porrettana (Porretta/Marzabotto) e diretti a Vado/Monzuno/autostrada A1
    Proseguire su Viale Kennedy e girare su Via Ponte Albano: le auto possono poi percorrere tutta Via Ponte Albano fino alla rotatoria ex-casello autostradale e di lì immettersi sulla SP 325 Val di Setta, mentre i mezzi pesanti (che non possono transitare su Ponte Albano) devono immettersi sulla Nuova Porrettana da Via Nuova dei Campi e proseguire sulla Nuova Porrettana fino alla rotatoria di intersezione con la SP 325 Val di Setta e il casello autostradale (in località Cinque Cerri)

 

 

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (122 valutazioni)